logo_www.infoshops.it

in collaborazione con

clicca per scoprire chi siamo:  pierreci

clicca per scoprire chi siamo: palazzo delle esposizioni

japanese version

www.infoshops.it_English version

www.infoshops.it_versione italiano

HOME

CHI SIAMO

TERRITORIO

SCUOLE

AGENZIE

CONTATTACI

NEWS

UFFICIO STAMPA

NEWSLETTER

Entrata di una tomba alla necropoli di Monterozzi, Tarquinia

Necropoli di Monterozzi (Tarquinia): dettaglio da un'affresco nella tomba del Triclinio

Necropoli di Monterozzi (Tarquinia): dettaglio della tomba dei Leopardi

TARQUINIA: LA NECROPOLI DI MONTEROZZI

La Necropoli di Monterozzi - sito di Patrimonio dell’Umanità - è la necropoli più estesa a Tarquinia - circa 750 ettari, a tre chilometri dall'abitato - ed una delle più importanti d’Italia, costituita da oltre 6.000 camere funerarie ipogeiche (sotterranee), cosiddette tombe a camera. All’interno di 200 tombe ritroviamo pitture o tracce di pitture ad affresco, presenti soltanto nelle dimore funebri degli aristocratici. Le immagini riprodotte intendono ricostruire scene di vita quotidiana, secondo la credenza della continuità della vita oltre la morte.
Sulla superficie preparata con calce veniva disegnata la bozza con un carboncino. Erano quindi riprodotti gli elementi decorativi animali e floreali delle abitazioni con colori intensi e vivaci, ricavati da elementi vegetali (nero, rosso, verde) e minerali (ocra, lapislazzuli), spesso rappresentati in modo immaginario (di alcuni, come ad es. le leonesse, gli Etruschi avevano solo sentito parlare), oppure scene legate alla vita quotidiana: banchetti con danze e giochi, giochi atletici, corse di cavalli e bighe, giochi erotici, scene di caccia e pesca.
Gli uomini venivano di solito raffigurati con la pelle abbronzata, le donne con la pelle bianca e con il viso imbellettato da cosmetici. Nella fase di decadenza, nel IV sec. a.C., venivano rappresentati anche demoni infernali che accoglievano i defunti nel regno dell’aldilà. Nel tempo cambia infatti la concezione della morte e dell’aldilà: dalla morte come passaggio ad una vita che continua con tutte le gioie terrene, ad una idea spaventosa della morte e di ciò che segue (demoni cerulei).
Le tombe visitabili alla necropoli di Monterozzi sono una decina: la presenza è segnalata da un cumulo di terra (i “monterozzi”). Non sempre il tumulo vero si è conservato; si scende lungo il corridoio di accesso e si può guardare l’interno delle tombe attraverso una porta a vetri, grazie alla quale si mantiene all’interno il livello di temperatura e umidità necessario a conservare le pitture. Le camere funerarie ospitavano letti e sarcofagi con le spoglie del defunto, urne con le ceneri e oggetti del corredo. Grandi razzie passate e presenti hanno purtroppo depauperato i tesori custoditi all’interno delle tombe.
Le tombe più importanti alla necropoli di Monterozzi prendono il nome dai soggetti delle bellissime pitture come la tomba della Caccia e della Pesca (520-510 a.C.), delle Leonesse (fine VI secolo a.C.), del Cacciatore (IV secolo a.C.), delle Baccanti (VI secolo a.C.), dei Leopardi (470 a.C.), dei Giocolieri (fine VI secolo a.C.), del Guerriero (IV secolo a.C.), dei Caronti (II secolo a.C.), degli Alberelli (IV secolo a.C.), della Pulcella (V secolo a.C.), dei Festoni (VI secolo a.C.), dei Tori (530 a.C.) e degli Auguri (530 a.C.); una delle più grandi e profonde è quella del Tifone (metà II secolo a.C.). Notevole il complesso tombale Scataglini, (fine del IV secolo a. C.).
In realtà i nuclei sepolcrali a Tarquinia sono moltissimi e sparsi su una vasta area, a testimonianza della presenza, nel periodo più antico, di differenti villaggi. Le necropoli più importanti sono, oltre alla necropoli di Monterozzi: Poggio Quarto, degli Archi, Poggio dell'impiccato, Poggio Selciatello di Sopra, Poggio Selciatello di Sotto, Poggio Gallinaro, Poggio Cavalluccio, Poggio Quagliere, Poggio della Perazzetta, Pisciarello, Poggio Cretoncini e Le Rose.

Zona Archeologica “Monterozzi” - Via Ripagretta - Tarquinia, Tel. 0766/856308
Orario di Apertura: ore 8.30-19.30 (periodo estivo); ore 8.30-16.30 (periodo invernale)
Chiuso il Lunedì
Ingresso: €    ridotto €    (da 18 a 25 anni); gratuito sotto i 18 anni e sopra i 65 per i cittadini appartenenti alla U.E.)
È possibile acquistare il biglietto cumulativo che consente, a un prezzo speciale di visitare il Museo Nazionale Etrusco nel Palazzo Vitelleschi e la Necropoli di Monterozzi.

Necropoli di Monterozzi (Tarquinia): dettaglio da un'affresco nella tomba della Caccia_Pesca

Necropoli di Monterozzi (Tarquinia): dettaglio da un'affresco nella tomba del Triclinio

Necropoli di Monterozzi (Tarquinia): dettaglio della tomba dei Tori

Altre informazioni: Tarquinia...

 

Google
WWWinfoshops.it


Segnala ad un amico!
 

  
Stampa questa pagina
stampa[2]

home

Copyright: Consorzio Tuscia Turismo - Via Pio VII n.2, Roma, 00167 - Partita IVA: 06610581008 - Privacy

Tiuk_Travelin collaborazione con:

Licenza Regione Lazio n° 5273 del 13/07/93 - Garanzia Assicurativa: Polizza n. 13036 di EUROPE ASSISTANCE in osservanza alle disposizioni previste.
Pubblicazione redatta in conformità alle disposizioni della Legge della Regione Lazio n. 63 del 17 settembre 1984