logo_www.infoshops.it

in collaborazione con

clicca per scoprire chi siamo:  pierreci

clicca per scoprire chi siamo: palazzo delle esposizioni

japanese version

www.infoshops.it_English version

www.infoshops.it_versione italiano

HOME

CHI SIAMO

TERRITORIO

SCUOLE

AGENZIE

CONTATTACI

NEWS

UFFICIO STAMPA

NEWSLETTER

La stemma papale di Viterbo

Torre Borgognone (Viterbo)

 

VITERBO: NOTIZIE STORICHE

La città di Viterbo ha origini etrusche testimoniate dai resti di un piccolo insediamento situato vicino al colle dove oggi sorge il Duomo, distrutto dai Romani nel 310 a.C. durante la conquista della Tuscia.
Ma è in epoca longobarda, dopo secoli di semiabbandono, che la città di Viterbo diventa il centro più importante della Tuscia, grazie a Desiderio che intendeva servirsene come avamposto per conquistare Roma.

Successivamente Carlo Magno dona Viterbo alla Chiesa, che ne farà il centro principale del Patrimonio di S. Pietro e capitale della Tuscia sotto Innocenzo III.
Nella prima metà del Duecento la città subisce più invasioni, finché nel 1170 accoglie l'arrivo di Federico I Barbarossa. Negli anni successivi Viterbo è assediata dall'imperatore Federico II, ma il card. Raniero Capocci, aiutato dalla giovane Rosa, più tardi canonizzata con il nome di S. Rosa,- organizza una memorabile rivolta contro il potente imperatore.
Dalla seconda metà del Duecento Viterbo si sviluppa notevolmente; sorgono palazzi, chiese e nuove architetture, il nucleo abitato si estende notevolmente e la città, divenuta centro culturale importante, è scelta come sede dai Papi costretti a fuggire dal clima infuocato della capitale. A Viterbo nasce il “conclave”, la procedura per eleggere il capo della cristianità, e qui sono eletti alcuni Papi tra cui Gregorio X, Niccolò III e Martino IV. Dopo la cattività avignonese (periodo durante il quale il Papa si spostò ad Avignone, in Francia), la città ospita Urbano V, l’ultimo papa a mettere Viterbo al centro della vita pontificia.
Nel periodo rinascimentale la famiglia dei Farnese (con papa Paolo III), che tanto ha influenzato l'ambiente politico in Italia, contribuisce alla ripresa di vitalità della città, rinnovando la cultura e la struttura urbanistica della città. Nell’Ottocento l’Unità d’Italia fa perdere a Viterbo la qualifica di capoluogo, che le viene restituita solo nel 1927.
 

Casa Mazzatosta (Viterbo)

Porta di San Giovanni in Zoccoli (Viiterbo)

 

Altre informazioni: Viterbo...

 

Google
WWWinfoshops.it


Segnala ad un amico!
 

  
Stampa questa pagina
stampa[2]

home

Copyright: Consorzio Tuscia Turismo - Via Pio VII n.2, Roma, 00167 - Partita IVA: 06610581008 - Privacy

Tiuk_Travelin collaborazione con:

Licenza Regione Lazio n° 5273 del 13/07/93 - Garanzia Assicurativa: Polizza n. 13036 di EUROPE ASSISTANCE in osservanza alle disposizioni previste.
Pubblicazione redatta in conformità alle disposizioni della Legge della Regione Lazio n. 63 del 17 settembre 1984