logo_www.infoshops.it

in collaborazione con

clicca per scoprire chi siamo:  pierreci

clicca per scoprire chi siamo: palazzo delle esposizioni

japanese version

www.infoshops.it_English version

www.infoshops.it_versione italiano

HOME

CHI SIAMO

TERRITORIO

SCUOLE

AGENZIE

CONTATTACI

NEWS

UFFICIO STAMPA

NEWSLETTER

La lontra, simbolo dell'Oasi WWF di Vulci

Istrice: spesso visto nei pressi dell'Oasi WWWF di Vulci

VULCI: OASI WWF

Nelle immediate vicinanze dell'area archeologica di Vulci si estende un’area di circa 200 ettari di boschi e macchia mediterranea attraversata dal fiume Fiora. Il sentiero natura è lungo 4 km., con uno stagno didattico, un oliveto didattico ed un centro visite. L’Oasi di protezione per la salvaguardia dell'ambiente è operativa dal 1982, su un progetto del WWF realizzato in collaborazione con l'ENEL.

Nella parte iniziale del percorso dentro l’Oasi WWF di Vulci l’ambiente è costituito prevalentemente da pioppi, ontani, salici, aceri campestri e olmi, e ospita una fauna molto varia: volpi, tassi, istrici, talpe e diversi tipi di uccelli e rettili.
Lungo il sentiero su cui sono stati costruiti dei capanni di osservazione è possibile osservare il fiume, con il suo ambiente caratterizzato da molte specie di piante acquatiche, in cui trovano rifugio anatre selvatiche, tra cui il germano reale, l'airone rosso, la nitticora, la cicogna ed il fenicottero, l'airone cinerino e la candida garzetta, oltre ad animali ormai rari come il merlo acquaiolo, il gambero di fiume e la lontra. Quest'animale, simbolo dell'Oasi WWF di Vulci, è il mammifero forse più direttamente e gravemente minacciato dal rischio di estinzione per la sua sensibilità alle modificazioni ambientali.
Lungo le sponde rocciose si estende la macchia mediterranea, tipica boscaglia sempreverde, con la predominanza degli arbusti (cisto, erica, marruca, lentisco, mirto, alloro e pungitopo) degli alberi d'alto fusto (roverella, sughera, leccio, frassino) e delle liane che formano un intreccio talora inestricabile. Dall'ultimo punto di osservazione è possibile scorgere la diga ed avere una visione d'insieme sul territorio su cui si estende l'Oasi di Vulci.
Il fiume, superata l'Oasi WWF di Vulci, dopo una piccola cascata, forma il laghetto del Pellicone.

L'Oasi WWF di Vulci, Tel. 0766 89298

L'Oasi WWF di Vulci dall'alto

Il tasso: (Oasi WWF di Vulci)

Altre informazioni: Vulci

 

Google
WWWinfoshops.it


Segnala ad un amico!
 

  
Stampa questa pagina
stampa[2]

home

Copyright: Consorzio Tuscia Turismo - Via Pio VII n.2, Roma, 00167 - Partita IVA: 06610581008 - Privacy

Tiuk_Travelin collaborazione con:

Licenza Regione Lazio n° 5273 del 13/07/93 - Garanzia Assicurativa: Polizza n. 13036 di EUROPE ASSISTANCE in osservanza alle disposizioni previste.
Pubblicazione redatta in conformità alle disposizioni della Legge della Regione Lazio n. 63 del 17 settembre 1984